Reflections & Thoughts

DEL DOLORE E DELLA SUA PATETICA SPETTACOLARIZZAZIONE

DEL DOLORE E DELLA SUA PATETICA SPETTACOLARIZZAZIONE

Ormai sembra che il dolore, di qualsiasi tipo esso sia, debba essere spettacolarizzato. Non si racconta, non si narra al fine di aiutare, con la propria esperienza, chi può trovare ristoro in quello che si vive o si è vissuto; tutto deve essere esagerato a livello comunicativo, ostentato nel vano tentativo di esorcizzarlo e renderlo con faciloneria meno grave e amaro. 

Spettacolarizzando il dolore, che sia dovuto ad una morte, ad una malattia o ad un fatto drammatico, sembra quasi che si voglia condividerlo con il mondo, e fin qui nulla di strano, anche se in alcuni casi il dolore dovrebbe essere vissuto in modo intimo e privato e non reso un intrattenimento da avanspettacolo.

VA DI MODA IL BRUTTO, UN FREAKSHOW CONTINUO PER ESSERE CHIUNQUE MA NON NOI STESSI

VA DI MODA IL BRUTTO, UN FREAKSHOW CONTINUO PER ESSERE CHIUNQUE MA NON NOI STESSI

Va di moda il brutto, il grottesco diventa moda, tutto sembra il riflesso delle brutture, della cattiveria, del caos della società e dei problemi interiori di chi la vive, lo vedo ovunque e non mi rimane che farmene un a ragione.

Dalle passerelle, alle strade delle città fino ad arrivare alla televisione, sembra che quello che un tempo era considerato di cattivo gusto, volgare o ad esclusivo appannaggio di un' "élite" ristretta, limitata e provocatoria, un mondo da bannare e lasciare nelle retrovie, ora, sia stato sdoganato per permeare ogni settore della società ed essere sfacciatamente alla mercé di tutti.

CHI HA IL PANE NON HA I DENTI, L'IMPORTANTE È AVERE I NUMERI GIUSTI (ANCHE SE COMPRATI)

CHI HA IL PANE NON HA I DENTI, L'IMPORTANTE È AVERE I NUMERI GIUSTI (ANCHE SE COMPRATI)

Spesso rifletto, e questo non è di certo una novità, ma in questi giorni mi capita spesso di pensare  al detto “chi ha il pane non ha i denti” e viceversa, sembra che ormai l’importante sia avere i numeri giusti, stuoli di followers comprati e fasulli, questo è il #mood, è di vitale importanza avere grandi cifre.

Sono stanco di vedere ingiustizie perpetrarsi nel mondo del web, un mondo che premia solo chi ha la faccia come il culo e non chi ha veramente qualcosa da dire e soprattutto sa farlo


HO GUARDATO LA PAURA E LE HO RISO IN FACCIA

HO GUARDATO LA PAURA E LE HO RISO IN FACCIA

Guardare le proprie paure, studiarle e alla fine affrontarle e vincerle, non è da tutti.

Mi rendo conto, sempre di più, che siamo pieni di paure e insicurezze che non riusciamo ad affrontare; le lasciamo nascoste negli anfratti più reconditi dei nostri cuori di leone e non le andiamo mai a disturbare, non le studiamo per capire il motivo di tanto terrore

GUCCI DECAPITA IL BUON GUSTO, MA LO FA CON UN MESSAGGIO IMPORTANTE

GUCCI DECAPITA IL BUON GUSTO, MA LO FA CON UN MESSAGGIO IMPORTANTE

Una gigantesca sala operatoria, questa la scenografia di Alessandro Michele per la collezione uomo e donna autunno/inverno 2018-19 di Gucci; teste mozzate dei modelli e modelle sottobraccio agli stessi in una passerella asettica e outfit cacofonici come di norma.

2018 L'ANNO CHE VERRÀ, DEVE ESSERE DIVERSO (PER FORZA)

2018 L'ANNO CHE VERRÀ, DEVE ESSERE DIVERSO (PER FORZA)

Dicono che il 2018 sia alle porte e io ne sono solo felice. Ogni fine d’anno mi domando come sarà l’anno che verrà, chi incontrerò, come crescerò, chi perderò.Non ho mai creduto alle stelle, sono troppo lusinghiere e cariche di promesse che non mantengono; i miei bilanci per l’anno, me li canto e me li suono io, anche se ne faccio ben due, uno a settembre e uno giustamente a dicembre, ma forse, in questo periodo, abbiamo tutti un po’ bisogno di leggere qualcosa che ci rassicuri, che ci coccoli come farebbe una mamma accarezzandoci la testa e sussurrando che andrà tutto bene nel nuovo anno.

HO UN GATTO CHE È UGUALE A ME, CLETO FOREVER

HO UN GATTO CHE È UGUALE A ME, CLETO FOREVER

Ormai è più di un anno che Cleto è entrata a far parte della mia vita e solo ora posso affermare con cognizione di causa, che ho un gatto uguale a me. Non avrei mai pensato che avere un gatto potesse essere una terapia per incanalare affetto, amore, gioco, comprensione e molte volte incazzature mastodontiche.

Fin da bambino sono sempre stato circondato da animali umani e anche animali a 4 zampe che, sfortuna mia e loro, hanno sempre avuto una vita breve; per un motivo o per un altro mi hanno lasciato sempre troppo presto.

SARAHAH: SARÀ QUEL CHE SARÀ

SARAHAH: SARÀ QUEL CHE SARÀ

Come gli amori estivi, Sarahah, è destinata ad avere vita breve; come ogni estate si creano tormentoni musicali, ci sono nuovi ed effimeri gadget come gli Fidget spinner, mode e tendenze transitorie che hanno la durata di pochi mesi; ma negli ultimi giorni non si fa altro che parlare di Sarahah, un’applicazione che in pochissimo tempo è stata scaricata da milioni di persone, perché?

Quello che accadrà, se non è già successo, sarà l’accrescimento del Cyberbullismo, una smisurata rabbia espressa virtualmente nei riguardi delle vittime designate e una sempre maggiore frustrazione nelle persone destinatarie di messaggi negativi.

LA CATTIVERIA NEI SOCIAL NETWORK

LA CATTIVERIA NEI SOCIAL NETWORK

Non è certo una novità che la cattiveria sia presente anche nei social network, anzi è ben radicata nella vita reale e ce ne stupiamo che sia presente anche in quella virtuale?

Mi rendo conto che la rete rappresenta una fotografia istantanea della realtà, una parte di quotidianità in cui si palesano dinamiche che forse, nella maggior parte dei casi, nella vita di tutti i giorni non trovano terreno fertile per essere esternate.

Tutto è lecito; anonimato, prepotenza, odio, frustrazione, bisogno di sentirsi superiori, ostentazione di una vita che non corrisponde a quella reale. Tutto trova online, il campo di battaglia nel quale poter essere espresso senza i filtri che sono presenti nell’ offline.

CRITICARE I "DIFETTI" DEGLI ALTRI, NON RIDUCE I NOSTRI

CRITICARE I "DIFETTI" DEGLI ALTRI, NON RIDUCE I NOSTRI

Ho sempre pensato che le "critiche costruttive" non esistano, ci possono essere osservazioni e ragionamenti costruttivi, ma le critiche (lo dice la parola stessa e la sua implicita negatività) servono a negare, a infamare, a nuocere annientando l’ego e a distruggere una verità che pensiamo essere giusta; sono solo definite in modo diverso per ferire di meno, ma in realtà non "costruiscono" niente. Anche se tentiamo di elaborarle in modo positivo, inconsciamente ci graffiano, segnando indelebilmente le nostre piccole ma fondamentali certezze.

AVERE UN BLOG E VEDERLO CRESCERE

AVERE UN BLOG E VEDERLO CRESCERE

Avere un blog è come avere un figlio (non sono ancora papà e quindi non voglio permettermi di fare questo paragone ma, genitori in lettura, non vogliatemene), dargli vita, vederlo crescere, scoprire ogni giorno che impara da te e viceversa, accorgerti che cambia ed evolve a seconda delle esperienze, degli incontri e delle emozioni che provi tu.

IO CI METTO LA FACCIA E NON PORTO MASCHERE

IO CI METTO LA FACCIA E NON PORTO MASCHERE

 Io ci metto la faccia in tutto e con tutti, non porto maschere, non sono mai riuscito, non sono capace di mentire o di nascondere qualsiasi tipo di emozione, ogni singola verità che tento di nascondere appare sulla mia fronte come un insegna luminosa visibile a metri di distanza; forse è l’aria del Carnevale ormai alle porte, ma questo post era in preventivo da molto tempo, un libero flusso di coscienza liberatorio che scaturisce da dentro.

QUANDO NEL SILENZIO SENTI I RAMI SECCHI SPEZZARSI

QUANDO NEL SILENZIO SENTI I RAMI SECCHI SPEZZARSI

Ho capito il vero significato di "Tagliare i rami secchi", quei rami a cui ho consentito di continuare a crescere, ai quali ho permesso di appesantire ulteriormente il mio albero per la paura che a causa di troppe sfoltiture potessi crearmi terra bruciata attorno, invece, avrei dovuto reciderli alla base per lasciare posto ai nuovi nati, a quelli che col tempo diventeranno robusti e solidi come quelli sani già presenti. 

FLORENCE: LA FORZA DELL'AMORE E DELLA PROTEZIONE

FLORENCE: LA FORZA DELL'AMORE E DELLA PROTEZIONE

La sua convinzione di avere una dote naturale per il canto, la porta a volere perfezionare la sua tecnica con un maestro compiacente e grazie anche al perenne e fidato aiuto del marito che ingaggia il personale pianista Cosmé McMoon; tutti personaggi che circondano Florence e che per il suo bene, scelgono di appoggiare e promuovere la sua personale utopia, tentano di celare a chiunque la sua inettitudine al canto. Un vero e proprio sogno terapeutico per Florence, non un semplice capriccio, ma una passione che le permette di dimenticare la malattia e la passione fisica per il marito.

Presto, quello che doveva essere un passatempo, diventa una sfida per Florence, una sfida dettata dalla necessità di poter esprimere al meglio le sue doti canore su uno dei palcoscenici più prestigiosi della città.

A NATALE I PENSIERINI IO LI SCRIVO, NON LI COMPRO

A NATALE I PENSIERINI IO LI SCRIVO, NON LI COMPRO

Come mai all’avvicinarsi del periodo natalizio, che quest’anno è partito a settembre, si sente sempre di più la frase “ah io quest’anno faccio solo dei pensierini…”. Che poi regolarmente i “pensierini” sono oggettivi orripilanti comprati su qualche bancarella o negoziucoli che il più delle volte a metà gennaio non esistono più e non sto parlando di temporary stores…ma della crisi che obbliga ad aprire e chiudere negozi con un turnover impressionante.

IL DECALOGO DI COSA EVITARE NEI SOCIAL NETWORKS E BLOG: GLI ERRORI ED ORRORI

IL DECALOGO DI COSA EVITARE NEI SOCIAL NETWORKS E BLOG: GLI ERRORI ED ORRORI

Ormai sui vari blog e social networks si vede di tutto ma proprio di tutto, ma ci sono alcune cose che ogni giorno vengono riproposte, trite e ritrite e ogni giorno me ne stupisco ancora. Un decalogo, quindi 10 tematiche, giuro sono solo 10 anche se ne avrei elencate altre 4 o 5. 

GIORNALISTI DI VOGUE CONTRO INFLUENCER E BLOGGER, MA PERCHÉ?

GIORNALISTI DI VOGUE CONTRO INFLUENCER E BLOGGER, MA PERCHÉ?

Da sempre modelle e modelli, dive del cinema e non, che sono apparsi sulle riviste di moda hanno ispirato outfit e stili di vita, eppure sono sempre stati osannati da chiunque. Solo perché ora a farlo sono persone comuni ed è tutto più veloce e quindi più immediato dell'attesa dell'uscita mensile di una rivista si sente la forte necessità di scagliarsi contro a chi ha un forte seguito di persone o chi riesce grazie alla propria personalità a divulgare notizie in modo più veloce o ad influenzare il pensiero di una nicchia?

I SOGNI LI TENGO IN UN CASSETTO E I RICORDI IN UNA SCATOLA

I SOGNI LI TENGO IN UN CASSETTO E I RICORDI IN UNA SCATOLA

Forse è proprio vero, riordiniamo il mondo esterno per poter trovare ordine dentro di noi; facendo ordine in casa, riorganizzando l’armadio, una cantina o nel mio caso il garage. Spesso cambiare l’ordine delle cose materiali serve proprio ad attuare un grande cambiamento interiore. Di sicuro è per quello che sono un maniaco dell’ordine, evidentemente dentro, ho un casino cosmico.

A SETTEMBRE TUTTO SCORRE

A SETTEMBRE TUTTO SCORRE

Un mese in cui festeggio il mio personalissimo capodanno, un mese in cui mi preparo psico-moralmente all’autunno. Si, mi devo preparare all’autunno, il periodo dell’anno che digerisco meno, le giornate più corte, meno luce e l’estate passata che non è ancora così lontana da rimanere un mero ricordo.