Dopo anni passati ad essere insicuro e timido, ad aver paura di esprimere me stesso e i miei pensieri per non deludere o sembrare inopportuno, ho deciso di mettermi in gioco, liberandomi da quelle maschere che ho sempre dovuto (malamente) portare per non essere in qualche modo ferito, o colpito.

Ora quel tempo è passato e definirei me stesso con poche parole: un casino interiore, compensato da un grande e maniacale ordine esteriore. Un osservante sognatore, molto attento ai particolari, sempre pronto a descriverli. Aggiungerei con una buona dose di paranoia, insita in me dalla notte dei tempi, che non guasta mai.

Sono fortemente convinto che con un piccolo tocco di originalità, ogni cosa ed ogni persona possa acquisire un sapore diverso, avere più fascino, eleganza, classe e perchè no, anche simpatia. 

Il Blog Touch Of Class prende vita dalla creatività e fantasia (alle volte troppa) che mi contraddistinguono, dalla passione e dall'amore per tutto ciò che è ricercato, di buon gusto e di tendenza (che non sempre si accompagna al buon gusto), dalla continua ricerca di stimoli e suggestioni provenienti da tutto il mondo; nasce dal desiderio di raccontare la realtà e le realtà, di pervadere di emozioni e spunti le persone e il loro stile di vita. Touch Of Class nasce dall’energia, dalle sensazioni ed il fascino che un oggetto, un materiale, un capo d’abbigliamento, un colore, una luce, un suono, un profumo, un'idea, una frase o un’esperienza, riescono a trasmettere a chi li osserva o li vive.

Il mio spazio virtuale in cui ci sono finalmente io, senza sovrastrutture, le mie passioni ed il mio punto di vista, alle volte serio ed emozionale e alle volte scherzoso, sarcastico e “tranchant” su argomenti e tematiche della vita di tutti in giorni. Uno luogo nel web in cui raccogliere tutto ciò che mi regala emozioni (vivo di emozioni) comunicandole e facendo del mio meglio per trasmetterle a chi mi leggerà.

Un blog in cui l'essere e l'apparire si fondono, nel quale la moda diventa design, dove il lusso ama anche la semplicità, in cui le emozioni si amalgamano alle immagini unendo il materiale all'immateriale. 

Insomma la proiezione in rete di quello che sono; un casino tra forma e sostanza, tra odio e amore, tra lacrime e sorrisi.

 


 
“Per essere insostituibili bisogna essere diversi...”
— Coco Chanel