"MAMMA NON VUOLE": IL TOCCANTE CORTOMETRAGGIO SULLA PATERNITÀ NEGATA

Mamma non vuole

Un mini film girato interamente nella splendida Bologna diretto dalla regia di Antonio Pisu e che vede nei suoi protagonisti attori come Giancarlo Giannini, Naike Rivelli, Nini Salerno, Fabio Ferrari (Chicco dei “Ragazzi della 3° C), Veronica Urban, Giuseppe Langella, Eleonora Massari, Niccolò Centioni, questi solo alcuni componenti del grande cast;  come interprete principale Amedeo Gagliardi, produttore e autore della sceneggiatura di un racconto che si può definire autobiografico; una storia che si avvicenda attorno ad un tema molto delicato e soggetto a incoerenze ed ingiustizie come la paternità negata.

Il corto tratta in modo semplice ma molto forte una sindrome psicologica come la PAS (acronimo di Parental Alienation Syndrome – sindrome da alienazione genitoriale), una vera e propria disagiante patologia che colpisce i figli dei genitori separati o divorziati, un malessere che nasce dai conflitti, di varie gravità che i genitori hanno per la custodia degli stessi. Una forma di “lavaggio del cervello” da parte di uno dei genitori, il cosiddetto "genitore alienante", che tramite continui insulti, astio ed umiliazioni verso il "genitore alienato", lo denigra persuadendo i figli stessi a perdere il contatto con il mondo reale, gli affetti e l’amore, in questo caso per il padre.

Un cortometraggio che presto diventerà un film a tutti gli effetti, mi ha emozionato e fatto profondamente riflettere su un problema che fortunatamente non mi ha colpito direttamente ma, ho visto amici e persone a me vicine con la personalità letteralmente plasmata dalla PAS. Un disagio che rovina ed influenza l'infanzia e se non superata, l'intera vita di una persona.

In Italia si sa, siamo molto retrogradi sotto molti aspetti sociali e quest’ opera cinematografica conferma l’urgente esigenza di insistere sul tema e il diritto alla bigenitorialità e su un eventuale affido condiviso in caso di separazione dei genitori, nonché ci obbliga alla riflessione di quanti figli abbiano subito abusi psicologici che sono sfociati nell’odio immotivato e aggiungerei pilotato per un genitore.

Emozioni scaturite non solo dalla visione del film ma anche dalla canzone della colonna sonora, Io sarò sempre il tuo papà, composta, arrangiata e cantata sempre dal poliedrico Amedeo; una dichiarazione di amore eterno, un amore che solo un padre può provare e dedicare ai propri figli, una poesia dedicata alla figlia da parte del suo straordinario Papà. 


Presentazione "Mamma non vuole"

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole

Mamma non vuole