CI SONO PERSONE TOSSICHE,PENSI CHE SIANO DI PURA SETA E INVECE SONO DI ACRILICO

Stefano Zulian

È proprio vero, quando stiamo con qualcuno che ci piace, a cui ci affezioniamo o addirittura di cui ci innamoriamo, vediamo solo il meglio di quella persona. Pensiamo che il carattere, la personalità e l’anima di quell’essere umano restino per sempre così, perfette.

Ci diamo, diamo il pacchetto completo, ma con il passare del tempo ci rendiamo conto che non stiamo ricevendo ciò di cui abbiamo bisogno, capiamo che ci siamo sottomessi al loro volere, alla loro vita, ai loro sogni e lasciamo che la nostra felicità dipenda da loro, automutilandoci psicologicamente e creando una dipendenza emotiva.

Nella nostra mente creiamo un’immagine idealizzata di quella persona, per poi finire in un labirinto che noi stessi abbiamo creato e non appena vediamo la via d’uscita, iniziamo a correre verso essa ma, all’improvviso, le pareti si spostano ostruendoci il passaggio e costringendoci a tornare indietro e a cambiare strada per ritrovare quella porta che ci sembrava tanto vicina.

Non è semplice ammettere che in alcuni casi, dipendiamo emotivamente da altri, non è facile accettare il fatto che in qualche occasione non abbiamo fatto affidamento sulle nostre forze, sensazioni ed emozioni. 

Ci sono persone che non danno mai assuefazione, non ci permettono di abituarci mai alla loro assenza e quando non le viviamo come vorremmo subentra una sorta di sindrome d’astinenza. Persone come una droga, no forse questo esempio non va bene perché non avendo provato nessuna droga non potrei descriverne gli effetti o l'astinenza da essa, forse persone come un vino di infima qualità, la sera in cui lo bevi, ti crea euforia ma, la mattina dopo, l'hangover è devastante.

Ma, e c’è un ma, arriva il momento in cui ci accorgiamo che quello che ci è stato venduto per pura seta inizia a dare fastidio, ci graffia non ha più la luce di un tempo ed inizia a sdrucirsi, è lì che viene in mente di leggere l’etichetta e vediamo la composizione: 10% seta e 90% acrilico! Shock, come hai potuto accorgetene solo ora, hai idealizzato un qualcosa che nella tua mente e solo lì, era seta e invece, nella realtà, è pura plastica e neanche di buona qualità.

Ci sono persone che sanno vendersi bene, molto bene, le mitizziamo dando libero sfogo alla proiezione di ciò che vorremmo che quella persona fosse. Creiamo un essere perfetto copiando ed incollandogli addosso tutte le caratteristiche e gli aspetti positivi che desideriamo, ingigantendoli, trasformandola in un essere unico ed insostituibile fomentando così il disagio della sua possibile perdita.

Nella vita, diamo il meglio di noi nelle relazioni, ma allo stesso tempo ci troviamo immersi in rapporti che tritano psicologicamente, che sfiancano, fino a che non apriamo gli occhi, leggiamo l’etichetta e ci strappiamo quel vestito di dosso.


Stefano Zulian

Stefano Zulian

Stefano Zulian

Stefano Zulian

IMG_6393.jpg

Stefano Zulian

Stefano Zulian

Stefano Zulian

Stefano Zulian

Stefano Zulian / Prada

Stefano Zulian

Prada

Stefano Zulian

Occhiali: Ray Ban / Maglione: Benetton / Camicia: Dolce & Gabbana  / Sneakers: Prada / Cintura: Fendi / Trench con interno in castoro e collo in visone epilato: Pierre Prandini atelier

Photographer: Andrea Milani